Educazione ambientale e alla salute

Referenti: prof.ssa Cecilia Galli e prof.ssa Elisabetta Peroni

 

PREMESSA

Gli interventi di educazione alla salute sono diversificati in relazione all'età degli studenti, per ogni anno di corso sono previste alcune tematiche e il Consiglio di classe individua quali proporre agli studenti.

 

Classi Prime

“Prevenzione dei comportamenti d’abuso”

Obiettivi:

-individuare le modalità di prevenzione da adottare per ridurre i rischi di contatto e/o sperimentazione dell’ uso di sostanze psicotrope legali ed illegali.

-orientare i docenti alla conduzione di programmi  di informazione e prevenzione secondo una metodologia attiva.

Metodologia:

Percoso di attivazione condotto dagli insegnanti di lettere e scienze.

 

Classi Seconde

“Affettività e sessualità

Obiettivi:

acquisire conoscenze sulla sessualità umana: fisiologia e funzioni riproduttive,aspetti psico-relazionali,aspetti socio-culturali, formazione e definizione dell’identità sessuale,essere informati sulle metodiche contraccettive e di igiene sessuale, conoscenza epidemiologia e MST Metodologia:

Progettazione tra gli insegnanti e gli esperi dellaaa’ausl di un percorso  collegato per trattare l’argomento  secondo le esigenze del gruppo classe.

Intervento finale di due ore  da parte d degli psicologi dall’ ausl e visita pomeridiana al consultorio.

 

Classi Terze

“Adolescenza ed alimentazione”

Obiettivi:

-Individuare e discutere tematiche individuali e/o relazionali, che emergono nella fase adolescenziale.

-rinforzare comportamenti tendenti all’auto-tutela della salute.

Metodologia:

Programmazione con psicologi ed esperti nutrizionisti dell’ausl per organizzare due incontri sulla tematica in oggetto di due ore ciascuno da tenersi in classe 

guidati dai suddetti esperti.

 

“Progetto col centro servizi per il volontariato di Carpi”

Obiettivi:

aprire un confronto sulle motivazioni per una partecipazione attiva alla vita della comunità locale, promuovendo un’esperienza di cittadinanza attiva come il volontariato.

Metodologia:

Incontro tra studenti e volontari in classe. Gli insegnanti dei vari consigli hanno scelto di proporre  un incontro di due ore con un’associazione di tipo internazionale come Amnesty International ed uno successivo sempre di due ore con associazioni locali a scelta dei ragazzi.

 

Classi Quarte

"Volontario e servizio civile Volontario"

Il COPRESC (Coordinamento provinciale enti servizio civile), propone un incontro di 2 ore di sensibilizzazione e di testimonianza con ragazze/i che hanno fatto l'esperienza di servizio civile volontario.

 

Classi Quinte

“Servizio volontario europeo”

Obiettivo:

far conoscere il Servizio Volontario Europeo come ulteriore occasione di partecipazione sociale ma anche di conoscenza e scambio con un altro paese europeo.

Metodologia

In collaborazione con l’assessorato alle politiche giovanili e il Punto Europa di Carpi viene organizzato un incontro di due ore di spiegazione del progetto e scambio

con un volontario che ha già vissuto quest’esperienza.

 

"Incontro AVIS"

Sensibilizzazione e diffusione della cultura della donazione.