Istituto di Istruzione Superiore ANTONIO MEUCCI
I.T.C.S. “A. Meucci” - I.P.S.S.C.T. “C. Cattaneo” • Via dello Sport,3 41012 Carpi (MO) • PEC: mois003008@pec.istruzione.it • E-mail: mois003008@istruzione.it
Tel. 059688550 • Codice IPA: istsc_mois003008 • Codice Univoco Fatt. Elettronica UF0P5S • C.F.: 81001080365
MEP: l’Europa immaginata e l’Europa che c’è

L’Europa immaginata e l’Europa che c’è 

Il 7 Gennaio 2020 l'Istituto Meucci nelle persone della Prof.ssa Daniela Guaitoli e del Prof. Luigi Agasucci, hanno partecipato alll'incontro pubblico con David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo,  intervistato dal giornalista Marco Damilano.

Chi è David Sassoli? E’ un ex giornalista fiorentino, vicedirettore del TG1 per alcuni anni, impegnato in politica sia a livello nazionale che europeo e, da luglio 2019, Presidente del Parlamento Europeo.

Alcuni punti che il Presidente Sassoli ha evidenziato sono:

  • La necessità di una comune politica estera Europea, in cui i singoli stati membri sappiano collaborare per obiettivi comuni;
  • Per “politica estera” non si intende la presenza militare, ma un insieme di elementi che si definisce “Soft Power”: diplomazia, forza commerciale, moneta unica e difesa comune;
  • La democrazia non è in cattiva salute; l’Europa dimostra quotidianamente di saper intervenire tempestivamente in diversi ambiti con il suo sostegno, ma anche monitorando e sanzionando gli Stati membri che non rispettano i trattati, a garanzia dei diritti di ciascuno stato.

Proteggere i valori resta l’obiettivo più alto dell’Unione Europea, unica per questo nel panorama mondiale.

Certamente la democrazia Europea è un “cantiere aperto” e molti punti sono ancora da migliorare.

Occorre essere ottimisti, perché il fronte europeista in Parlamento si è decisamente ampliato (cosa che non avveniva dal 1979); si sono aperti nuovi scenari, in base ai quali è prioritario trovare una convergenza di valori e obiettivi rispetto a ristrutturare i partiti politici europei. Infatti, l’Unione Europea è in procinto di stilare in quadro pluriennale finanziario che durerà 7 anni e la necessità di collaborazione deve prevalere sulle ideologie partitiche.

L’Emilia Romagna è positivamente giudicata dall’UE e vista come modello che dimostra di perseguire buone prassi di sviluppo, dalla programmazione all’uso dei fondi UE,  dalla rendicontazione alla capacità di investimento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.